3 Tecniche di Comunicazione Efficace per Analizzare il tuo Interlocutore.

In un post precedente hai scoperto l’importanza di analizzare il tuo interlocutore, se vuoi che la tua comunicazione sia efficace. Questo perché ti permette di entrare in sintonia non solo con la sua parte razionale, ma anche con la sua parte emotiva, con il suo inconscio.

Devi sempre tener presente che vi sono persone che prediligono elaborare le informazioni attraverso le immagini ( visivi), i suoni ( auditivi) o le emozioni ( cinestesici). E se vuoi ottenere il massimo risultato dalla tua comunicazione devi capire con che tipologia di persona stai parlando. Devi scoprire il canale di percezione preferito della persona che hai di fronte.

Come è possibile riuscirci?

Una prima tecnica è costituita dall’osservazione della fisiologia del nostro interlocutore in quanto ogni tipologia risponde a determinate caratteristiche.

  • VISIVO: portamento eretto, gesticola in alto, tono di voce alto, parlano velocemente, respirazione alta.
  • AUDITIVO: tono di voce più basso e modulato rispetto al visivo, respirazione diaframmatica, tende ad inclinare la testa da un lato (come se parlasse al telefono), gesticola in orizzontale.
  • CENESTESICO: respirazione addominale, tono di voce basso con lunghe pause, ha una postura incurvata, quando ricercano le informazioni “guardano” sui loro piedi, gesticolano in basso.

Quindi a seconda del portamento, del tono della voce, del modo in cui gesticola il tuo interlocutore, hai già una prima indicazione per capire in quale tipologia rientra.

La seconda tecnica è costituita dall’osservazione dei movimenti oculari.

Devi porre all’interlocutore una domanda che presuppone una risposta “secca”. Ad esempio: “Dove sei andato in vacanza l’anno scorso?” Prima della risposta gli occhi andranno in una determinata direzione indicandovi il canale preferenziale.

  • Il Visivo guarda in alto come se cercasse la risposta in un mondo immaginario sopra la sua testa;
  • l’Auditivo guarda in orizzontale;
  • il Cenestesico rivolge lo sguardo in basso.

È importante cogliere l’attimo prima della risposta in quanto i suoi occhi potrebbero andare in più direzioni in quanto ricerca in più canali sensoriali. Devi prendere in considerazione l’ultima direzione prima della risposta. In questa maniera otterrai il suo canale preferenziale o CANALE D’ ACCESSO che ti consentirà di entrare in sintonia con il tuo interlocutore e comunicare con lui in maniera efficace.

Un altra tecnica per individuare la tipologia è fare attenzione ai predicati verbali che maggiormente il tuo interlocutore utilizza durante la comunicazione.

Qui sotto trovai una lista dei più utilizzati.

  • VISIVO: vedere chiaro, focalizzare, illuminare, immaginare, mostrare, indistinto, colorato, visionare.
  • AUDITIVO : ascoltare, gridare, parlare, dire, chiamare, discutere, armonia, chiasso, suonare, sintonizzarsi.
  • CENESTESICO: toccare, sentire, pressione, rilassato, teso, concreto.

Dopo un breve periodo di osservazione dovresti riuscire a capire chi hai di fronte. Con l’utilizzo di queste tre tecniche riuscirai a scoprire il canale di percezione preferito del tuo interlocutore e a comunicare con lui in maniera più efficace.

Il tuo compito ora è di utilizzare una postura e un linguaggio tali che ti aiutino ad entrare in sintonia con il tuo pubblico e a coinvolgerlo emotivamente.

Nei prossimi post ti illustrerò 2 semplici tecniche per creare Rapport con il tuo interlocutore in modo da renderlo più propenso ad esaudire le tue richieste.

Mi fa piacere sapere la tua opinione in merito, puoi lasciarmi un commento nel form qui sotto oppure utilizzarlo per farmi qualche domanda se vuoi.

A presto

Simone.

One thought on “3 Tecniche di Comunicazione Efficace per Analizzare il tuo Interlocutore.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


+ quattro = 10

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>