Trova le Giuste Motivazioni per Parlare in Pubblico.

motivazioniLa paura di parlare in pubblico nasce dal sentirsi giudicato, dal non avere nulla da dire. Per superare questa paura ci sono diversi aspetti da verificare. Il primo è sicuramente quello delle motivazioni. Quali sono le tue motivazioni per parlare in pubblico?

Le motivazioni nella vita sono fondamentali, perché determinano il tuo comportamento. Guarda la definizione che dà Wikipedia:

La motivazione è l’espressione dei motivi che inducono un individuo a una determinata azione. Da un punto di vista psicologico può essere definita come l’insieme dei fattori dinamici aventi una data origine che spingono il comportamento di un individuo verso una data meta; secondo questa concezione, ogni atto che viene compiuto senza motivazioni rischia di fallire.

La motivazione svolge fondamentalmente due funzioni: attivare e orientare comportamenti specifici. Nel primo caso si fa riferimento alla componente energetica di attivazione della motivazione. Nel secondo caso si fa riferimento alla componente direzionale di orientamento.

Quindi la motivazione svolge due funzioni: attiva i tuoi comportamenti e gli da la direzione, ti fa prendere la strada giusta. Fondamentalmente le strade sono 2 : quella che porta al successo e quella che porta al fallimento. Ora sta a te imboccare quella giusta.

Anche per parlare in pubblico devi analizzare le tue motivazioni se vuoi imboccare la strada del successo.

Allora, quali sono queste motivazioni? Perché dovresti essere proprio tu a parlare di questo argomento? Che diritto hai? Come te lo sei guadagnato il diritto di parlare di questo argomento?

Quindi, è importante che tu abbia qualcosa di speciale per cui meriti di parlare in pubblico. Cosa c’è di straordinario in ciò che hai da dire? Cosa fa veramente la differenza? Cosa rende differente o straordinario te come persona o il tuo argomento rispetto alle centinaia di conferenzieri che parlano del medesimo soggetto?

Trova quello che fa la differenza, ovvero la “differenza che fa la differenza”, perché è la domanda base della PNL. Trovala, merita di parlare del tuo argomento. Mentre ci pensi, trova le motivazioni che hai quando parli in pubblico, se già non lo fai. Se sei tra quelli che lo faranno, se ti troverai a parlare in pubblico per qualsiasi motivo, trova sempre risposte a queste domande, perché domande di qualità portano sempre a risposte di qualità.

Quindi, quando andrai a parlare in pubblico, dovrai comunque avere un buon motivo per farlo. Solo se avrai buone motivazioni riuscirai a trasmetterle. Se sei il primo a non credere in te stesso o in quello che hai da dire, non trasmetterai nulla perché non avrai nulla da trasmettere.

Se invece ti rendi conto di meritare di parlare di un dato argomento, riuscirai a trasmetterlo. Se pensi di non meritare di parlarne, perché ti rendi conto che non hai nulla di straordinario da dire al riguardo, forse è meglio lasciar perdere e trovare un altro argomento, qualcosa che realmente ti appassioni.

Metterci la passione è anche importante, perché se c’è la passione non potrai che migliorare: troverai sempre il tempo di leggere un libro in più, ascoltare un cd o vedere un video che ti faccia crescere professionalmente. Se lo devi fare per forza è meglio non farlo.

Ugualmente, quando devi parlare in pubblico, se non hai forti motivazioni le persone se ne accorgeranno e non troveranno stimoli in te, nel tuo modo di parlare e di esprimerti.

Quindi trova qualcosa di speciale da dire, qualcosa che, convince te per primo, e vedrai che gli altri ti ascolteranno. Trova “la differenza che fa la differenza” nel contenuto del tuo messaggio.

Se tu ne sei veramente convinto, avrai le giuste motivazioni e riuscirai a convincere gli altri.

Scarica il report gratuito “8 Passi di un Discorso Efficace” e scopri molte altre tecniche per migliorare il tuo modo di parlare in pubblico in maniera convincente.

A presto

Simone

PS: la Tua opinione per me è importante… fammi sapere cosa ne pensi e lascia un commento qui sotto. Se pensi che questo articolo può essere utile ad un tuo amico, condividilo qui sotto.

8 thoughts on “Trova le Giuste Motivazioni per Parlare in Pubblico.

    • Grazie a te Franca!!! Per me è un piacere condividere quello che imparo con voi e sono contento che i miei consigli ti siano utili.
      Ho visto le tue risposte al sondaggio… fai benissimo a fissare i punti salienti su una scaletta, dopo aver preparato l’intervento. Ti aiuta ad essere più spontanea nel parlare e a pronunciare un discorso più efficace. Inoltre se fatta bene la scaletta ti aiuta anche a ricordare meglio il discorso. Comunque a breve parleremo anche di come migliorare la memoria.
      A presto.

  1. Leggendo questi articoli ritrovo tanto la mia paura di affrontare il pubblico, grande o piccolo che sia. La scaletta è una tecnica che uso perchè è come se mi desse la sicurezza, che poi mi permette di spaziare. Mi ha colpito anche la considerazione sul coinvolgimento rispetto all’argomento, effettivamente non ci avevo mai pensato…è più semplice iniziare da qualcosa che ci appassiona. Forse diventerà anche questo un “trampolino di lancio”!Grazie mille per i suggerimenti!Elisa

    • Grazie a te Elisa per il tuo commento. Sono felice di sapere che trovi utili i miei articoli. Anche per me parlare in pubblico è stata ( e forse lo è ancora ) una delle mie paure. Ora però è diventata anche una delle mie passioni, grazie ad anni di studio e di continua pratica. Spero di esserti ancora utile in futuro.
      A presto.

  2. Bello, chiaro e molto schematico.

    Provo ad aggiungere un pezzetto alla parte di scaletta/preparazione…

    Per generare la scaletta può anche essere utile un mini-brainstorming iniziale.

    Si crea (tipo mappe mentali) un argomento centrale, che sarà il punto focale del discorso.

    Poi si buttano giù le idee e infine si raggruppano in 3/4 gruppi.

    Ogni gruppo diventerà uno dei punti della scaletta e ciò che c’è dentro il materiale a supporto.

    Possiamo chiamarlo “cloud speech generation” :-)

    Consiglio SEMPRE di provare il discorso almeno 2/3 volte e sapere in anticipo quanto tempo abbiamo a disposizione per non “sbracare”.

    Arrivare lunghi è una mancanza di rispetto per gli altri e una mina alla nostra autorevolezza.

    Less is best!

    • Grazie Davide per il tuo contributo.
      Le Mappe Mentali sono molto utili per fare brainstorming di idee ed organizzare il materiale, ma possono anche essere usate come scaletta stessa del discorso.
      Certo, sono necessarie una buona preparazione e una buona padronanza del’argomento, ma usare una mappa mentale come scaletta ci permette di essere più spontanei, naturali e di tagliare facilmente qualcosa se stiamo andando “lunghi”.
      Una volta imparato ad usare le mappe mentali, non se ne può più fare a meno, sono veramente molto utili e pratiche.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


− sette = 1

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>